burraco online
|HOME|REGOLAMENTO|CLASSIFICHE|SUPPORTO|ASSOCIAZIONI|
22 giugno 2017 18:34  online Utenti registrati: 277499 Utenti online: 463 Tavoli aperti: 113
 

Il fenomeno online si chiama burraco



Il burraco è un gioco di carte dalle origini non antiche, si fa infatti risalire agli anni quaranta in sud america come variante della canasta. Questo gioco di carte è arrivato in Italia grazie ad un gruppo di appassionati e si è diffuso dalla puglia come un vero fenomeno di massa, soppiantando molti dei giochi di carte che comunemente si praticavano tra amici, magari sotto l'ombrellone, dando vita a numerosi club e svariate federazioni.
Le ragioni che hanno reso possibile che un gioco come il burraco gratis abbia avuto questa diffusione in così poco tempo sono riassumibili in due grandi categorie: la struttura del gioco in se e il cambiamento della comunicazione di massa.
Innanzitutto dobbiamo considerare che il Burraco, come gioco di carte, si rivolge ad una fascia di utenti piuttosto ampia, che abbraccia sia il mero passatempista che il giocatore da circolo. A differenza della scalaquaranta, infatti, il Burraco, può essere giocato sia in solitaria (1 vs 1) che in coppia (2 vs 2), dove trova la sua completezza. Della Scala 40 conserva una certa immediatezza di regole, che permette una facile diffusione, ma il Burraco ha delle divergenze sostanziali che ne allungano la longevità e la variabilità.
Fondamentale nel Burraco è l'utilizzo degli scarti, attraverso i quali si può infatti capire i giochi avversari ed intralciarli. Oltre a questo il sistema di calcolo dei punti permette un gioco strategico a più livelli che carpisce l'interesse anche di giocatori più cerebrali e professionali.
La possibilità di strategie su più livelli è indice della grande giocabilità del burraco ma non può essere la sola discriminante della nostra analisi. Bisogna infatti considerare il gap all'interno del quale questo gioco si è andato a collocare, nel panorama dei comuni giochi di carte: infatti possiamo ricordare che prima dell'arrivo del burraco, in italia si giocava comunemente la scala quaranta, la canasta, il machiavelli, e poche varianti sul tema. Ma mentre il primo ha una struttura di gioco piuttosto limitata che ne riduce la giocabilità, gli altri due hanno meccaniche piuttosto complicate rivolte ad un pubblico ristretto.
Abbiamo dunque individuato nella struttura del burraco e nel sua collocazione nell'ipotetico mercato dei giochi di carte le caratteristiche che ne hanno fatto un prodotto vincente rispetto agli altri. A questo però dobbiamo aggiungere l'altro fattore citato nel secondo paragrafo, ovvero il cambiamento della comunicazione di massa in favore di un decisivo aumento dell'utilizzo di internet. Se compariamo infatti i dati sulla diffusione del Burraco e quelli sul numero di persone che usano internet negli ultimi 5 anni, ci accorgeremmo che essi sono assimilabili e questo non ci deve sorprendere.
La proliferazione di blog e di spazi sociali (myspace, facebook) ha infatti moltiplicato a dismisura la possibilità di informazione, anche quella ludica. Inoltre negli ultimissimi anni il fenomeno del poker on line ha influito enormemente sul nostro rapporto con il gioco. Sull'onda di programmi televisivi incentrati sul poker sportivo e su altri giochi di carte molti hanno cercato di praticarlo online, fenomeno su scala talmente ampia che ha spinto il governo italiano a regolamentarne l'utilizzo a partire dal gennaio 2008. Ecco che, come un domino mediatico, ci ritroviamo oggi con enormi capitali pubblicitari mossi per sponsorizzare il poker hold'em online, e di riflesso molti spinti da un normale processo emulativo ricercano nuove realtà digitali, primo fra tutti il burraco online, soprattutto gratis.
Possiamo quindi affermare che il burraco online, sposando la facilità di socializzazione di internet, abbia trovato una sua misura ideale, meno elitaria di un circolo chiuso ma molto più ampio di semplici mura domestiche.


Torna a tutti gli articoli sul burraco


 
ilburraco.com - sito di burraco gratis online
2010-2017 Tutti i diritti riservati ©
Condizioni Generali - Privacy